Si è tenuto oggi l’evento conclusivo dei progetti ‘Yes I Start Up’ e ‘Selfiemployment’. Un’iniziativa online, organizzata da ANPAL (Agenzia Nazionale Politiche Attive del lavoro), INVITALIA, Ente Microcredito Italiano e ADAPT per fare il punto sugli effetti di queste due misure nell’ambito del PON IOG dell’Unione Europea. Insieme al collega veneto hanno partecipato gli Assessori al Lavoro delle Regioni Calabria, Sardegna, Puglia e Lazio, per un confronto sul programma Garanzia Giovani e il dato della misura dell’autoimprenditorialità.

In Veneto il programma Garanzia Giovani ha avuto numeri rilevantissimi. I dati dell’ultimo report di fine settembre ci dicono che ha permesso di trovare lavoro a 97.615 giovani al di sotto dei 29 anni che non lavoravano: il 29% con contratto di apprendistato, il 29% con contratto a tempo determinato, il 14% con contratto a tempo indeterminato, il 19% di somministrazione.

La voglia di fare nuova impresa sarà indispensabile per rinnovare il patrimonio di occupazione, destinato a subire un grave contraccolpo in questo difficile 2021. Per non assistere ai facili fallimenti delle start up c’è bisogno di accompagnamento, di tutoraggio e di buona finanza che non costringa i giovani imprenditori ad iniziare una nuova e coraggiosa via con un debito a gravare sulle loro spalle.

Auspico che nella prossima Programmazione Comunitaria, anche alla luce della fine del programma Garanzia Giovani, si trovino misure utili ad accompagnare i giovani verso una buona occupazione e verso la creazione di nuove imprese.