Sono intervenuta oggi in merito all’organizzazione dell’incontro di boxe per il titolo di campione europeo supergallo che si sarebbe dovuto tenere il 27 marzo scorso a Verona presso la AGSM Forum, prima che la pandemia da covid-19 bloccasse tutto.

Il vicentino Luca Rigoldi, campione europeo in carica, si è visto rimandare fino ad oggi questo incontro decisivo: pare inoltre la grande boxe non troverà spazio nell’Arena di Verona, nonostante il via libera della Soprintendenza archeologia belle arti e paesaggio.

Non capisco come mai la Fondazione Arena non voglia ospitare questo evento prestigioso sportivo internazionale: questa nobile e antica disciplina è forse l’attività più coerente per questo anfiteatro romano, visto che proprio per lo sport ed i giochi venne creato: oltre ad essere coerente, è certamente un’attività più rispettosa di tanti concerti di musica pop che in questa struttura hanno trovato spazio.

Spero la Fondazione Arena ci ripensi e permetta al nostro campione veneto di difendere il titolo europeo in questa cornice meravigliosa, aprendo le porte di questo anfiteatro ad un pubblico qualificato di amanti della boxe: uno sport fatto di regole, di sacrifici, di rispetto dell’avversario e di tanto coraggio. Una scelta che costituirebbe anche una grande opportunità per tanti giovani che magari all’Arena non ci sono mai stati, a cui verrebbe data così l’opportunità di ammirare da vicino questa magnificenza.